Otoplastica per orecchie a ventola (orecchie protrudenti)

Irene Cahen

Pierre Auguste Renoir (ritratto di Irene Cahen d'Anvers)

 

Intervento volto a correggere la anomala protrusione delle orecchie che può provocare frustrazioni e complessi; è richiesto da pazienti che hanno un eccessivo distanziamento del padiglione auricolare e quando le orecchie sono un po piatte, cioè senza la plica naturale in rilievo (antelice); l'intervento consiste in una incisione dietro all’orecchio che resterà praticamente invisibile e che consentirà l’esposizione della cartilagine che sarà modellata e riposizionata con tecniche particolari per ottenere un orecchio di forma e posizione normale.
Generalmente l'intervento, che dura meno di due ore, si esegue ambulatoriamente ed in anestesia locale, ma spesso può essere richiesta, soprattutto nei bambini o in adulti particolarmente emotivi, una leggera sedazione. Dopo l’intervento va portata una fascia elastica di contenzione intorno alla testa per circa sette giorni per tenere in posizione le orecchie, dopodichè saranno rimossi fascia e punti di sutura; per una ulteriore settimana si consiglia possibilmente di portare ancora la fascia solo durante la notte.

E' un intervento che non causa dolore, al limite si può avere il primo giorno una sensazione di oppressione e fastidio a causa della medicazione elastica, che all'inizio stringe un pò.

Se ben eseguito questo intervento risolve definitivamente il problema delle orecchie protrudenti; è un intervento che non comporta nessun rischio per la funzione uditiva nè per la sensibilità del padiglione auricolare.

Le possibili, anche se rare complicanze sono il sanguinamento postoperatorio, l'infezione/infiammazione della cartilagine (condrite), la recidiva (a volte può essere necesssario un piccolo ritocco a distanza di tempo in caso di minime asimmetrie di assestamento)

Già nell'età infantile-adolescenziale questo problema può essere motivo di derisioni che possono provocare un serio disagio nel bambino; questi casi vanno individuati e trattati precocemente per evitare che il problema diventi col tempo piu serio fino a portare a veri e propri danni psicologici permanenti.

A seguire, ulteriori dettagliate informazioni sull'intervento a cura della SICPRE. Il chirurgo potrà adottare tecniche diverse da quelle descritte, in base alla propria esperienza e alle caratteristiche specifiche del caso da trattare.

Link:  Informativa per otoplastica della Società Italiana di Chirurgia Plastica (SICPRE) 

Link:  Consenso informato per otoplastica della Società Italiana di Chirurgia Plastica (SICPRE)