Dermoabrasione

Man Ray

Man Ray

 

Con questo intervento si riescono a livellare e quindi a migliorare esteticamente le irregolarità cutanee come ad esempio le cicatrici in esiti di acne giovanile del viso o le rughette radiali peribuccali.

Viene eseguito con una fresa diamantata collegata ad una turbina; è consigliabile eseguirlo in anestesia generale o sedazione profonda per poter lavorare, soprattutto al viso, con il paziente perfettamente immobile.

Per evitare le cosiddette discromie, cioè differenze di colore, è consigliabile, anche nel caso di trattamento di aree cicatriziali limitate, di estendere la dermoabrasione a tutta l'area anatomica, cioè alla cosiddetta unità estetica (ad esempio tutta la guancia, tutta la regione periorale o tutta la fronte).

Dopo l'intervento, le zone che saranno temporaneamente abrase, senza epitelio, saranno coperte con garze vaselinate e pomata antibiotica; la guarigione avverrà per riepitelizzazione spontanea nel giro di pochissimi giorni.

Nei due mesi successivi a questo intervento bisogna evitare l'esposizione al sole o lampade abbronzanti. La cute si manterrà arrossata per circa un mesetto per poi schiarire e tornare alla normalità; nelle prime settimane dopo una dermoabrasione si consiglia di applicare spesso delle buone creme idratanti ipoallergeniche (preferibilmente di tipo termale) alternate con l'utilizzo di acqua termale spray con effetto idratante e rinfrescante; è possibile inoltre nascondere la temporanea differenza di colore con creme colorate coprenti.

A seguire, ulteriori dettagliate informazioni sull'intervento, a cura della SICPRE

Link:  Informativa per dermoabrasione della Società Italiana di Chirurgia Plastica (SICPRE) 

Link:  Consenso informato per dermoabrasione della Società Italiana di Chirurgia Plastica (SICPRE)